RecensioniTorna alla lista

19/02/13

MOMBU – Zombi di Diabolik Santoni - Headcleaner

I Mombu sono Luca T. Mai ed Antonio Zitarelli, entrambi provenienti da due band molto eclettiche ed originali, rispettivamente gli Zu e i Neo.
Questo “Zombi” è il secondo lavoro del duo Voodoom/Afro-Grind ed è stato pubblicato a giugno 2012 (per un sovraccarico di richieste di recensione, siamo riusciti a pubblicarlo solo ora. NdR); il 7 marzo uscirà sempre per la Subsound Records il nuovo album, intitolato “Niger” (leggi QUI).
A dire il vero, “Zombi” altro non è che un rimixaggio/rimasterizzazione del precedente lavoro omonimo della band, con due variazioni alla tracklist: l’eliminazione dell’Intro e l’aggiunta della quinta traccia, “Zombi”. Proprio questo brano mixato da Husky Hoskulds (già con Mike Patton, Tom Waits e Fantomas) è un tributo al grande Fela Kuti, e al suo album “Zombie”, in cui paragonava la polizia e l’esercito nigeriani a dei cadaveri senza volontà, addestrati per sparare a comando (molto attuale direi! NdA).

Le ritmiche afro sono molto presenti, alternate a percussioni quasi psichedeliche (chissà cosa avrebbero combinato i Morphine in una jam session con i Velvet Underground?!?!?).
L’idea di mettere il sax come strumento principale, in una formazione di stampo Punk-Rock, è stata appunto di Mark Sandman, compianto leader dei Morphine. Se i Morphine avevano un’anima più bluesy, lasciva, tossica e strafatta, i Mombu invece sono molto più tendenti al Prog-Metal come concezione della struttura dei pezzi.

In alcuni brani sembra di sentire i Sepultura, in altri groove ho sentito qualcosa del progetto David Sylvian/Robert Fripp “The first day”, il tutto con stacchi Hardcore velocissimi!!

Ospiti del disco: Mike Watt (Minutemen, fIREHOSE, The Stooges), Giulio “The Bastard” (Cripple Bastards), Lef (Obake), “Cinghio” (The Orange Man Theory, Buffalo Grillz), M’bar Ndyaie (Sunu Africa).

Un album per palati refrattari…