NewsTorna alla lista

19/11/11

Sold out al Pippo a Bolzano per la presentazione di Hole dei The Little White Bunny

Due anni, ma ne è decisamente valsa la pena. Il disco suona come loro volevano, grazie al No Logo studio ed alla Riff Records. E da ieri Hole, il primo full length dei TLWB, è proprietà di moltissimi tra coloro che sono accorsi per vederne l'esibizione straordinaria sul palco del Pippo.

Serata fuori dai canoni, a partire dall'apertura con La Piccola Orchestra Felix Lalù che si presenta vestita da carota per omaggiare i festeggiati. E che poi dà vita ad un set gioiello, tra vulvoni, gayne e sgangherblues cantati a squarciagola in mezzo al pubblico. Qualcuno sente aromi di Rino Gaetano, altri Beck, Bugo, Sparklehorse: è Felix Lalù.

Poi le luci si spengono, passa qualche minuto, ed entrano loro, i festeggiati.

Il set è composto dal disco, suonato traccia per traccia, comprese le intersezioni estemporanee. Il tutto eseguito alla perfezione, con la sezione ritmica imponente che da sempre caratterizza il loro suono a far saltare la folla, le trame di chitarra a cesellarne il volo e la voce di Yomo a decapitarne le angoscie. Un rito di purificazione pagano, socialmente utile ed artisticamente ineccepibile.

Piccoli particolari dai quali si può iniziare a giudicare un giocatore: tutti i Bunny vestono t-shirts di altre band, di Bolzano.

E non è un caso che membri di svariate altre realtà cittadine siano chiamati via via ad esibirsi sul palco, tastiere, chitarre, voci, fino un meraviglioso didgeridoo per il gran finale: ospiti perfetti di una serata che, annunciata come splendida, ha nel tempo assunto i colori del magico.

Picco assoluto? Wienerschnitzel!